Zampe e co.

Mi ricordo perfettamente il mio primo album: era l’album dell’Incantevole Creamy.

Mi fu regalato da un amico e mi si aprì un mondo, il magico mondo delle figurine.

Ricordo l’odore di quell’album e l’odore delle figurine nei pacchetti appena aperti. Un pacchetto costava cento lire, con mille lire se ne avevano dieci ed era quello il budget settimanale messo a disposizione da mia madre per le mie figurine.

Ricordo l’emozione di aprire i pacchetti, ricordo la gioia di trovare la figurina rara, ricordo lo scambio di doppie con le amiche.

Seguirono tantissimi altri album, li ricordo tutti con affetto.

Naturalmente avere figli consente di fare, senza sentirsi affetti da sindrome di Peter Pan, tutto quello che ufficialmente sarebbe sconveniente fare per un adulto, quindi ho pensato che i tempi fossero maturi per Lorenzo e per il mio… ehm suo primo album di figurine.

L’occasione mi è stata data dalla preparazione del calendario dell’Avvento poiché, non volendo riempire con dolciumi e giocattoli le buste, ho riempito una gran  parte dei giorni di figurine, consegnandogli il primo giorno l’album Panini “Zampe e Co”.

Inutile dire che è stato un successo.

L’album è già adatto alla sua età (e pure alla mia), contiene diverse sezioni tematiche, tutte inerenti al mondo animale. Si passa dai dinosauri agli animali domestici, passando attraverso gli animali strani.

Le pagine sono colorate e allegre, ricche di spiegazioni e nozioni didascaliche, comprensibili e utili a ogni età, riportano anche il nome inglese degli animali e le curiosità.

Le figurine poi si variano, ci sono quelle rugose, per i dinosauri, quelle “pelose”, quelle fosforescenti, quelle tridimensionali, quelle di forme strane, quelle che Lorenzo adora, ovvero quelle magiche la cui immagine appare fregando sopra col dito.

E se tutto quanto riportato non bastasse a farmi sentire irrimediabilmente vecchia ripensando alla mia Incantevole Creamy, ci pensa l’App a darmi il colpo di grazia: esatto, esiste un’App dedicata!

La App è gratuita e serve per quella che si chiama “realtà aumentata”: inquadrando alcune figurine si ha la possibilità di giocare, sbloccando attività sempre nuove, man mano che si trovano le figurine. Si ha anche la possibilità di crescere una mascotte virtuale, ovvero un proprio cucciolo, da far evolvere e con giochi a tappe.

Insomma, siamo entrati nell’epoca degli album di figurine 2.0.

E così io e il mio bimbo abbiamo trovato un bellissimo passatempo da fare insieme, lui legge i numeri (non ne sbaglia più uno) ed io cerco la pagina, lui attacca ed io leggo la didascalia. E’ un bel modo di impararegiocando per Lorenzo ed invece io, beh io ho ritrovato un pezzetto della mia infanzia, c’è una Me bambina meravigliata e incantata che sta completando l’album di figurine con mio figlio.

20131212-220450.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: